Per categoria | Cronaca, Primo Piano

Tags | ,

Bosco rovinato da cervi e caprioli

Pubblicato il 14 maggio 2012 by Oggi

Allarme sulla desertificazione del bosco per opera di cervi, caprioli e cinghiali che divorano i ributti delle castagnete impedendo le rinascite e danneggiando in modo irrimediabile le attività economiche dei pochi operatori rimasti attivi nel bosco. La denuncia viene da Remo Nardi che fa presente il crollo della produzione della farina di castagne (da 14 quintali a 70 chili in un anno solo nelle sue castagnete) e anche il danno alla attività di produzione e vendita dei pali ricavati dai ributti delle ceppe dei castagni tagliati. «Questi animali mangiano i ributti e trasmettono le loro malattie alle piante – dice Nardi – in pochi anni il bosco sarà rovinato e non ci si potrà ricavare più la farina di castagne. Stiamo pagando le conseguenze del falso ambientalismo di chi butta gli animali senza preoccuparsi degli effetti sul bosco». Secono Nardi il bosco è pieno di zecche e di vipere ed è diventato pericoloso ed inospitale anche per chi vi va a fare le passeggiate.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

ADS