Per categoria | Rioni 2012, Sport

Pagelle: Dore – Ugna

Pubblicato il 01 agosto 2012 by marco

Dore

 

Franchi, voto 8: l’estremo difensore bianco-rosso si comporta nel modo giusto per tutta la durata dell’incontro, salvando in varie occasioni il risultato con ottimi interventi. Ai rigori è nuovamente protagonista, infatti regala la vittoria ai suoi compagni. Dopo il match è premiato come miglior portiere del Torneo dei Rioni.

Gentili, voto 7: nonostante sia rientrato da poco dopo l’infortunio, si adatta al ruolo di terzino in modo esemplare. Dopo vari spunti, è autore del gol del pareggio.

Meoni Andrea, voto 6,5: il giovane difensore del Dore ha sulle spalle grande responsabilità per l’assenza di Cirri nelle retrovie, eppure non si spaventa ed è sempre deciso negli interventi.

Maccari, voto 6: il jolly bianco-rosso viene posizionato in difesa da mister Paesano. Fa il suo dovere e chiude bene gli spazi agli attaccanti avversari.

Porcu, voto 6: anche lui alla seconda partita dopo l’infortunio, è costretto, per le assenze, a giocare nel ruolo di terzino per tutto il primo tempo. Nella seconda frazione si fa vedere davanti con efficacia.

Cherubini, voto 6.5: detta i tempi a centrocampo come pochi sanno fare. Non sbaglia quasi mai un passaggio e mette a disposizione la sua esperienza per i compagni di reparto.

Battistini, voto 7: il giovanissimo centrocampista regala alla squadra ancora una volta una partita di grande sostanza. Nonostante un’immaginabile pressione per la finale da titolare, è attento per tutto il match arrivando a sfiorare un bellissimo gol.

Luzzu, voto 6: parte bene nel primo tempo cercando il gol e servendo assist ai compagni. Si vede meno nella ripresa quando la pressione sui portatori di palla aumenta.

Bettarelli, voto 6: l’attaccante esterno del Dore, pur non essendo troppo servito, crea pericoli alla difesa dell’Ugna coi suoi dribbling. Segna anche un gol, ma a gioco fermo su segnalazione di fuorigioco del guardalinee.

Brio, voto 6: si vede poco per tutto il match, però il suo lavoro è fondamentale per le ripartenze dei compagni. Protegge bene la palla e fa salire i suoi.

Accardo, voto 6: si presenta in campo non al meglio delle condizioni fisiche. Nella mezzora sul rettangolo di gioco è insidioso e sfiora il gol del vantaggio a soli 2 minuti dal calcio d’inizio.

Nesi Alessio, voto 5.5: il giocatore sostituisce l’acciaccato Accardo, ma pur lottando su ogni palla vagante non riesce ad entrare nel vivo delle azioni offensive e rimane isolato dalle manovre d’attacco.

Bruni, 5.5: sostituendo un attaccante, permette l’avanzamento di posizione di Porcu. Rischia in alcune occasioni e non è sempre preciso nelle chiusure.

Arrigucci sv

All.Alessandro Paesano, voto 8,5: ancora una volta mister Paesano porta alla vittoria finale il Dore. Prepara al meglio questa difficile partita e gestisce bene i giocatori a disposizione per colmare le assenze di diverse pedine. La squadra mostra un bel gioco e si fa trovare sempre messa bene in campo per tutta la durata del Torneo.

 

Ugna

 

Colombo, voto 7,5: ancora una prestazione di alto livello per il portiere bianco-verde. Compie grandiose parate negando il gol ai giocatori del Dore ed anche ai tiri dal dischetto riesce ad ipnotizzare più di un calciatore.

Nesi Alessio, voto 6: il terzino bianco-verde, impegnato dalle offensive avversarie, non riesce ad incidere come sempre sulla fascia, ma difensivamente parlando è quasi sempre attento.

Gori, voto 6: è buona la prestazione del giovane difensore dell’Ugna alla seconda finale giocata da titolare. Contiene gli attaccanti bianco-rossi nel primo tempo, mentre nella seconda frazione soffre maggiormente il cambio di ritmo del Dore.

Pesaresi, voto 5.5: l’esperto giocatore dell’Ugna non garantisce la sicurezza che da lui ci si aspetta. Rischia in diverse azioni e non sempre sceglie il tempo giusto dell’intervento.

Torracchi, voto 7: per la bandiera bianco-verde è la seconda sconfitta consecutiva contro il Dore. Nonostante la vittoria finale mancata, non toppa una partita per tutto il torneo: tiene da solo tutta la linea difensiva della sua squadra e da vero capitano gestisce ogni reparto del campo.

Ciapetti, voto 6: come in tutte le sue partite si dà da fare e lotta su ogni pallone. Si impegna in mezzo al campo cercando di impensierire la difesa avversaria.

Fattori, voto 5,5: il veterano centrocampista dell’Ugna non si ferma un secondo nel rettangolo di gioco, si inserisce e gestisce palloni sulla linea di metà campo. Troppe volte però risulta falloso, infatti si becca un cartellino giallo, e non conclude molto.

Caioni, voto 6: nella sua prima finale da giocatore del Torneo dei Rioni, dà solidità alla formazione ugnotta grazie alla sua forza fisica e alla sua temperanza. Non regge gli alti ritmi del secondo tempo ed al 58′ viene sostituito.

Nesi Simone, voto 7,5: degne di nota sicuramente sono la sua intraprendenza e la sua freddezza nonostante la giovane età. Si procura con una fulminante percussione il rigore e successivamente lo segna portando in vantaggio i suoi. A fine match viene premiato come miglio under20: oltre alle belle prestazioni è il capocannoniere dell’Ugna con 3 reti.

Lunghi, voto 6,5: il fantasista bianco-verde non è decisivo come nelle altre partite da lui disputate, ma insieme a Torracchi è l’anima della squadra. Dà velocità e fantasia alle manovre offensive dell’Ugna e crea insidie su ogni calcio piazzato.

Signorini, voto 6: il centravanti non si sblocca in finale, però è da sottolineare la grinta con cui si batte per ogni pallone. Pressa i difensori del Dore per indurli all’errore e corre per tutto il campo.

Gelli, voto 6: il veterano centrocampista sostituisce Caioni e si posiziona in mezzo al rettangolo di gioco. Non si muove molto ma smista i palloni con estrema precisione.

Pini sv

Giorgini sv

All.Torracchi Valerio, 7,5: pur qualificandosi per i play-off senza raggiungere direttamente le semifinali, la squadra di mister Torracchi ha saputo sempre vendere cara la pelle agli avversari e ha espresso spesso un bel gioco. Batte il primo classificato Fognano e raggiunge il Dore in finale: la lotteria dei rigori non gli è favorevole, però il suo lavoro merita applausi. Non sono da dimenticare gli inserimenti nella formazione di validi e promettenti giovani come Gori, Caioni e Nesi Simone.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

ADS