Archivio Tag | "Dore"

Tags: , , , ,

BIGATTIERA -DORE 4 – 1 live

Pubblicato il 03 luglio 2018 by Oggi

Bigattiera: Vannucci, Bartolini, Giannini, Goretti, Lami,Lucchesi, Perugi, Pettazzoni, Riccio, Romagnoli, Rossi. All. Ferri

Dore: Franchi, Fioriello Stefano, Magni, Meoni Lorenzo, Pugliese, Fedi, Battistini, Fioriello Niccolò, Porcu, Martelli, Nardi. All. Brio

10′ Ancora nessuna occasione da rete

12′ GOL Bigattiera con Bartolini Edoardo che spinge in rete un cross basso da destra di Goretti che era arrivato sulla riga di fondo e aveva messo in mezzo

14′ GOL Dore con una splendida punizione calciata da Martelli dal vertice sinistro dell’area. Destro a rientrare , palla nell’angolo

17′ punizione insidiosa di Perugi da posizione laterale sulla sinistra dell’area, Franchi riesce a deviare.

24′ La gara si è accesa. Botta e risposta tra le due squadre

35′ colpo di testa di Fioriello N. su cross Porcu. Fuori misura

39′ Bigattiera in avanti, punizione di Perugi da destra con il pallone teso che attraversa l’area senza trovare deviazioni.

Primo tempo finisce sul punteggio di 1-1

Inizia il secondo tempo

14′ GOL Bigattiera: gran tiro di Romagnoli: controbalzo al volo. Eurogol !

24′ GOL Bigattiera che si porta sul 3 a 1 con Lami di testa su corner

41′ GOL di Goretti in contropiede

 

INTERVISTA A LEONARDO GORETTI

Commenti disabilitati su BIGATTIERA -DORE 4 – 1 live

Tags: ,

Dore – Ugna 6 – 3 (dopo i rigori – 2 a 2 al termine dei regolamentari)

Pubblicato il 27 giugno 2018 by Oggi

Dore: Franchi, Magni, Meoni Lorenzo, Venturi, Pugliese, Fioriello Stefano, Battistini, Fioriello Niccolò , Porcu, Martelli, Nardi. All. Brio

Ugna: Boccardi, Nastri, Lunghi Lorenzo, Caioni (18′ st Torracchi Davide), Mesi Alessio, Lunghi Leonardo, Colzi, Signorini (1′ st. Risaliti), Santi (18′ st Sina), Nesi Simone, Nesi Jacopo. All. Torracchi

5′ Gol Ugna. Nesi Simone raccoglie a centro area un traversone da sinistra di Nesi Alessio, controlla, si gira rapidamente e insacca di sinistro nell’angolo alto a sinistra del portiere

16′ Gol del Dore che pareggia con un rigore trasformato da Battistini. Penalty concesso per atterramento di Porcu in area.

34′ Gol Dore. Nardi porta in vantaggio il Dore su assist di Martelli che entra in area di prepotenza e passa al centro dove Nardi controlla e conclude senza dare scampo al portiere.

Fine primo tempo

Inizio secondo tempo

10′ gran parata del portiere del Dore Franchi su tiro di Nesi Alessio.

25′ Gol annullato all’Ugna tra le proteste dei biancoverdi

27′ Gol Ugna che pareggia con Gol di Colzi bravo a tirare in diagonale defilato a sinistra

2 a 2 dopo i tempi regolamentari

Ai rigori parte subito bene il Dore con la trasformazione di Nardi, risponde l’Ugna andando a segno con Sina, passa in vantaggio il Dore con Porcu mentre per l’Ugna sbaglia Colzi. Ancora in gol il Dore con Cherubini mentre il tiro dal dischetto di Nesi Jacopo dell’Ugna è parato dal portiere Franchi del Dore. Accardo insacca e chiude la gara a favore del rione biancorosso.

 

INTERVISTA A GIANMARCO NARDI

Commenti (1)

Tags: , ,

Il Dore è campione per la nona volta!! Rigori maledetti per l’Ugna che si arrende dopo una serie infinita

Pubblicato il 01 agosto 2012 by marco

Per due anni consecutivi il copione della fase conclusiva del Torneo è pressoché identico: Dore e Ugna si giocano la finale, risultato di 1-1 al termine dei tempi regolamentari, rigori che sorridono ancora una volta al Dore. E così l’Ugna, per due anni di fila, riesce solo ad avvicinarsi alla coppa dei vincitori, la sfiora ma se la vede scivolare via dopo la crudele lotteria dei tiri dal dischetto. Dal canto suo invece, il rione bianco-rosso oltre a godersi la nona vittoria in un totale di 14 finali disputate, stabilisce il record di quattro tornei conquistati consecutivamente. Riuscirà qualcuno ad interrompere questa egemonia battendo i ragazzi di mister Paesano?

Al calcio d’inizio mister Torracchi manda in campo il consueto modulo di gioco, provato e confermato dai buoni risultati, mentre il Dore si trova a dover sopperire alla mancanza di gran parte della difesa: per le assenze di Meoni Lorenzo, Stobbia e Cirri, come terzini Paesano propone Gentili e Porcu.

Dopo soli due minuti il rione bianco-rosso, che appare più incisivo e preciso, si fa subito pericoloso con Accardo: su assist di Luzzu, l’attaccante calcia verso la porta dell’Ugna ma Colombo è attento e respinge. La seconda azione da gol è sempre del Dore, e si registra al 19esimo minuto quando un lancio filtrante di Brio trova smarcato Luzzu che tirando di prima intenzione si imbatte nuovamente nei riflessi pronti del portiere. L’Ugna fatica a costruire manovre insidiose per la retroguardia bianco-rossa, ma al 22esimo cambiano le sorti della partita: dopo aver preso palla a centrocampo, il giovane Nesi Simone si inserisce con estrema agilità tra le maglie della difesa del Dore, entra in area e per un contatto subìto alle spalle cade a terra. Per l’arbitro è calcio di rigore. Scattano così le proteste di Porcu e compagni che mostrano la loro perplessità al direttore di gara per la decisione presa, ma ormai non si torna indietro e sul dischetto si presenta lo stesso giocatore che si è guadagnato il penalty: Nesi non sbaglia. L’Ugna è in vantaggio per 1-0. A questo punto il rione bianco-rosso perde di lucidità, a centrocampo cala la precisione nei passaggi e le azioni si fanno troppo frettolose, cosicché su una palla persa al 26′ minuto, Ciapetti avrebbe l’occasione per raddoppiare ma dopo un affondo sulla fascia scivola all’ingresso in area. Come se non bastasse, dopo soli 30 giri di orologio il Dore vede un acciaccato Accardo costretto ad abbandonare il rettangolo di gioco, ed al suo posto entra Nesi Alessio. Al 33esimo l’Ugna si fa ancora pericolosa con un’azione personale di Lunghi, ma la sua conclusione trova attento Franchi. Nei minuti conclusivi della prima frazione il Dore si riaffaccia in avanti: prima Bettarelli insacca il pallone in rete ma a gioco fermo, su segnalazione di fuorigioco del guardalinee, poi ancora lo stesso attaccante crea pericolo con un tiro ribattuto dal difensore. Si conclude sull’1-0 a favore per l’Ugna il primo tempo della finalissima.

Al rientro delle squadre in campo, Paesano cerca di cambiare qualcosa e così sostituisce Bettarelli col difensore Bruni, affinché Porcu possa occupare una posizione più offensiva e a lui congeniale. Al 43′ minuto l’Ugna sfiora il raddoppio: su cross di Signorini, una conclusione mancata da Ciapetti diventa un assist per Lunghi, che però calcia su Franchi. Nello stesso minuto una decisione dell’arbitro è ancora una volta motivo di controversie e discussioni. In uscita, l’estremo difensore del Dore blocca con le mani il pallone appena fuori dall’area, il guardalinee segnala il fatto al direttore di gara che fischia punizione a favore dell’Ugna e ammonisce Franchi: scattano così le proteste di giocatori e panchina bianco-verde, che per l’intervento chiedono il rosso diretto. L’arbitro però è inamovibile. Della punizione dal limite dell’area se ne incarica Lunghi: il suo tiro è insidiosissimo e proprio mentre si accinge ad entrare in rete Franchi respinge con un intervento miracoloso. Nonostante le occasioni per la formazione di Torracchi, al 47esimo arriva il pareggio del Dore grazie a Gentili, che sugli sviluppi di un calcio di punizione rimane solo nell’area di rigore libero di concludere verso la porta e di battere un immobile Colombo. Il gol del pareggio è un duro colpo per l’Ugna, ma la reazione non tarda ad arrivare, infatti Signorini nel giro di 5 minuti impensierisce la difesa bianco-rossa per due volte con una conclusione in porta ed un tiro fuori misura. Dal 60esimo in poi il Dore torna all’attacco e prende in mano il pallino del gioco, mentre la formazione bianco-verde si concentra sulla fase difensiva dopo aver visto neutralizzati diversi tentativi di segnare. Brio cerca più volte il gol ma le conclusioni sono fuori misura, mentre al 70′ minuto un bellissimo tiro di Battistini impegna Colombo in una parata sensazionale. Dopo questa occasione la partita si accende, sia in campo che sugli spalti, per un fallo di mano di Pesaresi non punito dall’arbitro: anche qui la situazione non è chiara e farà discutere molto spettatori e giocatori. Finiscono così i tempi regolamentari sul punteggio di 1-1. Mentre il primo tempo supplementare non è interessato da azioni importanti ma solo da qualche sostituzione da parte dei due allenatori, il secondo regala ancora qualche emozione: al primo minuto Cherubini, con un tiro da fuori, impegna seriamente il portiere dell’Ugna in tuffo, e all’8′ l’ultima occasione è sui piedi di Lunghi che su punizione tira potente ma centrale. Dopo 100 minuti molto intensi e combattuti in ogni frangente, si passa alla lotteria dei rigori, proprio come l’anno prima. Il rione bianco-verde, in una serie di tiri dal dischetto infinita, ha l’opportunità di vincere per 3 volte, ma in tutti i casi i giocatori non ne approfittando facendosi parare i tiri o calciando fuori. La partita si decide solo al 14esimo rigore, quando Franchi ipnotizza il giocatore ugnotto Nesi Alessio regalando il nono trofeo al proprio rione. In campo e sugli spalti l’entusiasmo dei giocatori e dei sostenitori bianco-rossi è alle stelle, ed alla premiazione è una festa. Dall’altra parte c’è grossa delusione per l’Ugna e per capitan Torracchi, visto che dopo un gran torneo ancora una volta i rigori gli sono fatali.

Oltre alle coppe per i primi e i secondi classificati, vengono effettuate anche altre premiazioni:

-il trofeo “Saltini” per il miglior portiere va a Franchi, fondamentale nel cammino del Dore

-il titolo di capocannoniere, insieme al trofeo “Perugi” per il miglior giocatore del torneo, è attribuito al bomber del Tobbiana Costa

-il premio “Matera” per il miglior giovane under20 viene consegnato al centrocampista dell’Ugna Nesi Simone

-il premio “Nencini” all’allenatore Paesano del Dore

 

 

 

Marco Piantini

 

 

 

Tabellino

 

DORE – UGNA 1 – 1 ( 12 – 11 dopo i calci di rigore)

 

DORE: Franchi, Gentili, Meoni Andrea, Maccari, Porcu, Cherubini, Battistini, Luzzu, Bettarelli(41′ Bruni), Brio, Accardo(29′ Nesi Alessio)(1′ p.t.s Arrigucci)

Panchina: Macchini, Baldi, Cherubini Lorenzo, Fabbri, Daddario, Grazzini

Allenatore: Paesano Alessandro

 

UGNA: Colombo, Nesi Alessio, Pesaresi, Torracchi, Gori(8′ p.t.s Giorgini), Caioni(58′ Gelli), Fattori(72′ Pini), Ciapetti, Nesi Simone, Lunghi, Signorini

Panchina: Boccardi, Massagli, Radoja, Ciccone, Palmigiano

Allenatore: Torracchi Valerio

ARBITRO: Stefanacci. Assistenti: Piazzini e Trinci. Quarto uomo: Bonvissuto

MARCATORI: Nesi Simone (22′) (Ugna) ; Gentili (47′) (Dore)

RIGORI: A segno per il Dore: 2 Brio, 2 Battistini, 2 Gentili, Cherubini, Maccari, Porcu, Meoni Andrea, Franchi; errori di: Luzzu, Arrigucci e Bruni.

A segno per l’Ugna: 2 Colombo, 2 Signorini, Nesi Alessio, Lunghi, Pini, Gelli, Torracchi, Giorgini; errori di: Nesi Simone, Ciapetti, Pesaresi e Nesi Alessio.

NOTE: Ammoniti: Brio, Franchi (Dore); Fattori, Nesi Alessio, Lunghi (Ugna)

Commenti (1)

Tags: , ,

Pagelle : Dore – Tobbiana

Pubblicato il 27 luglio 2012 by Nicola

Dore

 

Franchi, voto 6 : incolpevole in quasi tutti i goal, sicuro nelle uscite.

Meoni Lorenzo, voto 6 : generoso, ma a volte confuso, partita appena sufficiente.

Meoni Andrea, voto 5.5 : alcuni suoi errori hanno rischiato di compromettere il cammino bianco-rosso verso la finale.

Maccari, voto 6.5 : copre bene, gioca d’anticipo e tiene a bada gli attaccanti avversari.

Cirri, voto 6.5 : sui palloni alti è quasi impossibile superarlo, gioca con esperienza e senso tattico.

Porcu, voto 6 : senza infamia e senza lode, fa il suo senza strafare.

Gentili, voto 6 : rientra ora dall’infortunio deve trovare la condizione migliore.

Battistini, voto 6.5 :  Magari si vede meno di altre volte, ma se non ci fosse sarebbero problemi. Corre e sgomita per riconquistare palloni.

Luzzu, voto 8 : i fatti parlano chiaro due goal e un assist dimostrano che questo è un giocatore che esprime un gioco intelligente e concreto.

Brio, voto 7 : crea molti pericoli ai difensori Tobbianesi, correndo molto e smarcandosi a dovere. Trova il goal con una deviazione di piede.

Accardo, voto 5.5: anche per il centravanti bianco-rosso questa era la prima partita estiva e come Gentili ha bisogno di trovare la condizione di gioco ideale.

Paesano, voto 7 : nove finali di fila testimoniano che il gruppo è il unito e compatto, merito soprattutto di un allenatore che diffonde nell’ambiente energia positiva.

Tobbiana

 

Cusumano Alessio, voto 5.5 : troppo insicuro anche se su alcuni goal poteva fare ben poco.

Matera, voto 5.5 : Applicazione e dedizione ammirevole, ma qualche imprecisione negli interventi.

Fedi, voto 6 :Gioca spesso d´anticipo con i veloci attaccanti del Dore.

Cusumano Sascha, voto 5.5 : non entra in partita e fa fatica a trovare la condizione migliore.

Mazzanti, voto 5.5 : grandissimo impegno, ma si trova di fronte dei brutti clienti e in alcune occasioni va in difficoltà.

Fontanelli, voto 6.5 :ispirato in fase di spinta, confeziona alcuni traversoni pregevoli.

Bonelli, voto 7 : scende in campo da titolare e non delude le aspettative del mister trovando anche il goal del momentaneo vantaggio.

Nesi, voto 5.5 : Partecipa validamente alla buona prova collettiva della squadra. Bene tatticamente, commette però qualche errore.

Costa, voto 7 :  Primo tempo molto positivo, ripresa ancora migliore impreziosita da una rete. Peccato l’occasione fallita allo scadere dei supplementari.

Bucci, voto 7 : qualità e grande intelligenza calcistica, è il fulcro del gioco del Tobbiana. Degno di nota il goal scaturito da un tiro da fuori area.

Lo Faro, voto 7 : sfreccia lungo la fascia seminando zizzania tra le fila della difesa del Dore e confeziona giocate pericolose.

Dabizzi, voto 7 : entra nella ripresa schierato inizialmente a sinistra e si fa subito notare mettendo a referto assist e giocate di valore.

Rossi S.V.

Marco Nesi, voto 6,5 : Efficace l’impostazione della partite, ottimo il cambio sull’1 a 2 con l’inserimento di Dabizzi. Lui non sbaglia nulla.

 

Nicola Andreini

Commenti disabilitati su Pagelle : Dore – Tobbiana

Tags: , ,

L’impresa del Tobbiana è solo sfiorata: i rigori regalano al Dore l’ennesima finale

Pubblicato il 27 luglio 2012 by marco


Senza dubbio è stata una delle più emozionanti e sorprendenti semifinali degli ultimi anni, infatti Dore e Tobbiana hanno divertito il pubblico di un “Nencini” tutto esaurito con un’elettrizzante partita incerta fino all’ultimo istante di gioco. Nonostante lo stesso numero di punti nella prima fase del torneo, il rione bianco-rosso si presentava a questo match da favorito per diversi motivi: la vittoria nel precedente scontro contro il Tobbiana, il ritorno in rosa per mister Paesano di Accardo-Porcu e Gentili, e sicuramente l’esperienza. Nonostante questo, il rione bianco-blù si è arreso solo ai calci di rigore, confermandosi squadra validissima capace di sopperire all’assenza di un giocatore importante come Vannucci e mettendo più volte in seria difficoltà la formazione avversaria dominando, a tratti, il gioco.

Nella prima mezzora l’incontro è equilibrato e concentrato soprattutto a centrocampo senza eccessive insidie per le due retroguardie, infatti la prima vera azione da gol si ha proprio al 30esimo minuto: dopo un lancio sul filo del fuorigioco, Fontanelli anticipa Franchi in uscita con un tocco sotto, ma Cirri salva il pallone prima che oltrepassi la linea della porta. Appena 1 minuto dopo arriva il vantaggio del Tobbiana: Bucci, uno dei più validi centrocampisti del torneo, si libera al limite dell’area, e lasciando partire un un tiro potente e preciso supera sul secondo palo il portiere Franchi. Il Dore, che prima era arrivato poche volte nell’area avversaria, aumenta il numero delle offensive alla ricerca del pareggio, però il rione bianco-blù è talmente asfissiante nella pressione sui portatori di palla che Porcu e compagni faticano a costruire azioni insidiose. Al 37′ minuto è lo stesso capitano bianco-rosso a farsi pericoloso, sfiorando sotto porta il pallone servito da Meoni Lorenzo. Appena prima del duplice fischio il Dore colpisce: dopo una punizione di Luzzu dal lato sinistro del campo, il centravanti Brio è bravo a smarcarsi e a battere il portiere Cusumano con una bella deviazione di prima.

I primi minuti del secondo tempo sono densi di azioni offensive del Dore, che ha in Accardo, un pò in ombra fino ad ora, il giocatore più pericoloso. Al 46esimo, su una palla filtrante, e dopo un velo dello stesso attaccante bianco-rosso, Luzzu anticipa il portiere nell’1 contro 1 e con un tiro che entra lentamente in rete porta in vantaggio la sua squadra. A questo punto mister Nesi decide di cambiare qualcosa, e sostituisce Matera col fresco Dabizzi. La sostituzione è azzeccatissima, infatti il numero 7 ha un importante impatto sulla  gara: al 54′ minuto, salvando un pallone sulla linea di fondo campo, serve di mancino un bellissimo assist in mezzo all’area di rigore sul quale Costa si fa trovare pronto in un colpo di testa che si insacca alle palle di Franchi. Solo un minuto dopo si ripete l’azione del gol con Dabizzi che crossa e Costa che incorna il pallone a pochi passi dalla porta bianco-rossa, ma questa volta il portiere compie con un colpo di reni un vero miracolo. Il Tobbiana si rende conto dell’attimo di confusione del Dore e quindi aumenta il pressing tant’è che al 56esimo si ribalta il risultato col gol del 3-2: l’attaccante Costa tira da fuori area, Franchi respinge, e sulla ribattuta Bonelli gonfia la rete per la terza marcatura della squadra bianco-blù. A venti minuti dalla fine i ritmi non calano, nonostante i giocatori abbiano corso freneticamente per tutto il match, e il rione bianco-rosso cerca in tutti i modi il pareggio. Al 66esimo cambia ancora il risultato: a segnare è nuovamente Luzzu, questa volta con una punizione sopra la traversa che si insacca alle spalle di Cusumano. Dopo il 3-3  non ci sono più occasioni da rete, le due formazioni rallentano, avendo speso tantissimo nel corso della partita, e così arriva il fischio finale che decreta i tempi supplementari. Il primo di questi è interessato solo dal cambio di mister Nesi che mette in campo il centrocampista Rossi, mentre nel secondo supplementare non mancano le opportunità di segnare: al primo minuto ci prova Porcu, ma il tiro è centrale; al settimo Fontanelli calcia alto dopo una palla riconquistata dal rione bianco-blù a centrocampo; appena prima del fischio dell’arbitro sulla testa di Costa capita l’incredibile pallone del possibile 4-3, ma stavolta il bomber del Tobbiana è spreciso e mette il pallone sul fondo. Arrivano così i calci di rigore. Fino al quinto tiro dal dischetto nessuno delle due squadre sbaglia, però al rigore decisivo il giocatore tobbianese Bucci si fa parare il tiro da Franchi. Il Dore conquista ancora una volta la finale, alla ricerca di una nona vittoria che lo manderebbe sempre più in fuga nell’albo d’oro, mentre il Tobbiana sfiora soltanto una storica finale mai raggiunta dal rione bianco-blù.

Marco Piantini

Tabellino

 

DORE – TOBBIANA 3 – 3 (8-7 dopo i calci di rigore)

 

DORE: Franchi, Meoni Andrea(Stobbia 66′), Cirri, Maccari, Meoni Lorenzo, Battistini, Gentili, Porcu, Luzzu, Brio, Accardo

Panchina: Macchini, Arrigucci, Baldi, Bettarelli, Bruni, Cherubini, Fabbri, Nesi

Allenatore: Paesano Alessandro

TOBBIANA: Cusumano Alessio, Matera(Dabizzi 50′), Fedi, Cusumano Sascha, Mazzanti, Fontanelli, Bonelli, Nesi Federico(Rossi 6′ 1°ts), Bucci, Lo Faro, Costa

Panchina: Bedin, Loriga, Torracchi, Pellegrini

Allenatore: Nesi Marco

ARBITRO: Romanelli. Assistenti: Rinaldi e Cannizzaro

MARCATORI: Bucci (31′), Costa (54′), Bonelli (57′) (Tobbiana) ; Brio (40′), Luzzu (46′), Luzzu (66′) (Dore)

RIGORI: A segno per il Dore: Brio, Battistini, Gentili, Accardo, Luzzu. A segno per il Tobbiana: Rossi, Bonelli, Lo Faro, Costa ; errore per il Tobbiana di Bucci

NOTE: Ammoniti: Gentili, Maccari, Luzzu, Cirri (Dore); Lo Faro, Cusumano (Tobbiana)

Commenti disabilitati su L’impresa del Tobbiana è solo sfiorata: i rigori regalano al Dore l’ennesima finale

Tags: , ,

Pagelle: Stazione-Dore

Pubblicato il 13 luglio 2012 by marco

Stazione

Ganugi, voto 6: nonostante i tre gol subiti, evita la goleada con diversi buon interventi

Canelli Danilo, voto 5.5: il terzino della Stazione si vede poco sulla fascia e nel secondo tempo viene sostituito da Baldi

Polvani, voto 6.5: il giovanissimo difensore regge da solo la retroguardia della Stazione e nel secondo tempo avanza quasi da regista

Rosellini, voto 5: soffre per tutta la partita gli attacchi dei centravanti avversari e fatica nelle coperture

Di Girolamo, voto 5.5: da rivedere nelle coperture, ma si propone sulla sinistra volenterosamente

Carlesi, voto 6: lotta in mezzo al campo, partono dai suoi piedi le azione di marca bianco-bordò

Minighetti, voto 5.5: contenuto dal centrocampo avversario si vede poco nel corso del match

Rinaldini Matteo, voto 6: il fantasista della Stazione colpisce una traversa nel primo tempo e crea pericoli alla difesa del Dore, nel secondo tempo però sparisce dal gioco e cala insieme agli altri

Mihalcut, voto 5.5: corre lungo tutta la fascia di sua competenza ma, poco servito, non riesce ad incidere

Zingarello, voto 6: insieme a Rinaldini dà vivacità alle azioni offensive della sua squadra con rapidi scatti e buone giocate

Mazzetti, voto 5: il giocatore bianco-bordò, provato centravanti, riceve pochi palloni e non entra mai nel vivo del gioco

Crabu SV

Baldi SV

Paolantonio SV

Novelli SV

Rinaldini Claudio, voto 5.5: l’allenatore della Stazione non può nulla contro il Dore e dovrà aspettare il sorteggio per conoscere il futuro della sua squadra

Dore

Franchi SV: il portiere bianco-rosso non viene mai impegnato per tutta la partita

Meoni Lorenzo, voto 6.5: corona una buona prestazione con il gol del 2-0 dopo una cavalcata sulla sinistra

Meoni Andrea, voto 6: non è molto impegnato dagli attaccanti avversari, ma è sempre preciso nelle coperture

Cirri, voto 6: il veterano difensore bianco-rosso, sempre vigile, dirige la retroguardia della sua squadra con decisione

Stobbia, voto 6: questa sera non si affaccia troppe volte in avanti, risulta però abile nella fase difensiva

Cherubini Giulio, voto 6.5: puntualmente fornisce indicazioni ai compagni di reparto, inoltre non sbaglia pressoché alcun passaggio

Battistini, voto 6.5: il giovane centrocampista del Dore fa il suo dovere smistando palloni e cercando anche il gol

Luzzu, voto 7: il migliore tra i suoi. Impensierisce sempre la difesa avversaria, ed oltre ad essere l’autore del terzo gol colpisce anche un palo, sfiorando una meritata doppietta

Bettarelli, voto 6 : l’attaccante bianco-rosso, sostituito a metà ripresa, cerca più volte il gol senza fortuna ma lotta su ogni pallone che gli capita

Brio, voto 6.5: il capitano non sbaglia il rigore nel primo tempo e per tutta la partita aiuta i compagni a ripartire. Regala anche l’assist del terzo gol

Nesi Alessio, voto 6: la sua corsa continua lo rende una vera spina nel fianco per la retroguardia della Stazione, che fatica a contenerlo

Arrigucci SV

Cipriani SV

Bruni SV

Cherubini Lorenzo SV

Alessandro Paesano, voto 7: il Dore risulta ben messo in campo e costruisce le proprie manovre con idee chiare. La mano di mister Paesano è evidente

Marco Piantini

Commenti disabilitati su Pagelle: Stazione-Dore

Tags: , ,

Tris del Dore contro la Stazione. Ultima parola al sorteggio

Pubblicato il 13 luglio 2012 by marco


Nella penultima partita della fase eliminatoria del Torneo dei Rioni il Dore domina contro la Stazione e raggiunge al primo posto il Tobbiana, che risulta però svantaggiato per la sconfitta nello scontro diretto. Il rione bianco-bordò rischia l’eliminazione, ma sarà il sorteggio a decidere chi passerà il turno tra la Stazione e la Smilea.

La partita si fa subito palpitante con una serie di azioni pericolose della squadra di mister Paesano che nei primi 15 minuti colleziona addirittura 4 occasioni da gol. La prima è generata dai piedi di Bettarelli, che al 5′ calcia di poco a lato. Appena 3 minuti dopo Brio colpisce la traversa con un azione personale sulla destra: dopo esser scattato sul filo del fuorigioco, giunge fino alla linea di fondo, ed invece di crossare al centro per i compagni tira verso la porta centrando il legno. Il pressing del Dore è altissimo, di conseguenza la Stazione fatica a superare la propria metà campo ed a costruire manovre di ripartenza. Al nono minuto l’attaccante Nesi scalda le mani al portiere Ganugi con una conclusione forte ma non angolata. La prima reazione della formazione bianco-bordò si registra al 20′ minuto con Matteo Rinaldini: imbeccato sulla sinistra dal passaggio filtrante di Mazzetti, vede il suo tiro infrangersi sulla traversa a Franchi battuto. La controffensiva della Stazione dura poco, infatti al 24′ minuto al Dore si presenta una nuova opportunità di segnare. Il giovane attaccante Bettarelli, dopo esser stato lanciato ed aver controllato il pallone, rientra sul piede preferito e cercando di sorprendere il portiere sul primo palo sfiora solo l’esterno della rete. Il rione bianco-rosso è molto attivo sulle fasce, infatti i terzini avversari riescono a malapena a reggere le avanzate laterali, mentre la Stazione riparte e tenta di colpire con contropiedi affidati al centrocampista Rinaldini. Il primo gol della serata arriva al 33′ minuto: un’azione caotica nell’area e le vivaci proteste dei giocatori spingono l’arbitro a decretare un calcio di rigore a favore del Dore. A presentarsi dagli 11 metri è Brio, che con estrema freddezza spiazza il portiere e porta la sua squadra in vantaggio. Passano 2/3 giri di orologio ed il direttore di gara fischia la fine del primo tempo con evidente anticipo, causando perplessità e disappunto sugli spalti.

Come era successo nel primo tempo, la formazione bianco-rossa parte fortissimo: prima Bettarelli e successivamente Battistini impensieriscono Ganugi sfiorando la rete. Poco tempo dopo però arriva il meritato 2-0: al 52′ il terzino Lorenzo Meoni, lanciato da Luzzu, sfrutta un indecisione difensiva per battere l’estremo difensore con un preciso diagonale. Sotto di due reti, la Stazione prova a reagire di orgoglio, ma mancanza di idee e sprecisione compromettono ogni azione offensiva. Nel frattempo la stanchezza inizia a farsi sentire da entrambe le parti, infatti i due allenatori corrono ai ripari con molteplici sostituzioni per mandare forze fresche in campo. La formazione di Rinaldini sbilanciandosi in avanti rischia colpevolmente le imbucate avversarie. Per ben due volte consecutive Luzzu si fa pericoloso: prima gli sbarra la strada Ganugi, successivamente colpisce in modo sfortunato il palo interno. Nel finale del match arriva anche il terzo gol: Brio, scattato sul filo del fuorigioco e aiutato da un’indecisione difensiva, serve Luzzu che stavolta non sbaglia, rifilando così un pesante 3-0 alla Stazione.

Ormai manca solo un match per chiudere il girone, ovvero Bigattiera-Fognano. Sarà una serata importante non solo perché il risultato influirà su accoppiamenti play off e semifinali, ma anche perché dopo di essa si terranno i sorteggi necessari al proseguo del Torneo dei Rioni.

Marco Piantini

Tabellino

STAZIONE – DORE 0 – 3

STAZIONE: Ganugi, Canelli Danilo(Baldi 67′), Polvani, Rosellini, Di Girolamo, Carlesi(Paolantonio 71′), Minighetti, Rinaldini Matteo, Mihalcut(Crabu 56′), Zingarello, Mazzetti(Novelli 67′)

Panchina: Di Lorenzo, Savignano, Canelli Jacopo

Allenatore: Claudio Rinaldini

DORE: Franchi, Meoni Lorenzo, Meoni Andrea, Cirri(Bruni 80′), Stobbia, Cherubini Giulio, Battistini, Luzzu, Bettarelli(Arrigucci 60′), Brio(Cherubini Lorenzo 80′), Nesi Alessio(Cipriani 67′)

Panchina: Macchini, Baldi, Daddario, Fabbri, Grazzini

Allenatore: Alessandro Paesano

ARBITRO: Salvatore Romanelli

MARCATORI: Brio (33′) (Dore), Meoni Lorenzo (52′) (Dore), Luzzu (79′) (Dore)

NOTE:  ///

Commenti disabilitati su Tris del Dore contro la Stazione. Ultima parola al sorteggio

Tags: , , ,

Colpaccio dell’Ugna: agganciata la vetta della classifica

Pubblicato il 05 luglio 2012 by marco

E‘ un gran colpo quello dell’Ugna nel nono incontro del Torneo dei Rioni, infatti al termine di una partita combattuta e nel complesso equilibrata è riuscita ad avere la meglio sulla formazione del Dore.

I due schieramenti si presentano per questo match senza grosse novità: a parte l’importante assenza in casa bianco-rossa di Porcu, e il ritorno di Pini per i bianco-verdi, vengono confermati pressoché gli stessi giocatori delle scorse partite.

Nelle fasi iniziali sembra il Dore a tenere il pallino del gioco, e la prima occasione si registra all’ottavo minuto con un tiro dalla distanza di Battistini che si spegne di poco sul fondo. La reazione ugnotta è veemente, tale da creare pericoli nell’area del Dore con due nitide opportunità di segnare: al 14′ su un cross dalla destra, Franchi si fa trovare attento sull’incornata ravvicinata di Signorini, mentre al 15’ un’azione corale della formazione bianco-verde manda il giovanissimo Nesi davanti al portiere, che però riesce ancora una volta ad essere essenziale. Dopo questi due minuti di fuoco, il match risulta equilibrato fino alla fine della prima frazione. Il Dore cerca di impensierire Colombo, ma la fase offensiva risulta troppo sprecisa e macchinosa; dall’altra parte l’Ugna gioca meglio, ma le uniche azioni degne di nota nascono da situazioni di contropiede.

L’inizio del secondo tempo si apre invece con un monologo ugnotto: dopo l’ennesimo buon intervento di Franchi su punizione, al sesto minuto arriva il vantaggio dell’Ugna. Su un errore difensivo, Simone Nesi si impadronisce del pallone e batte con un delizioso pallonetto il portiere in uscita.

Al 50′ minuto i due allenatori decidono di cambiare qualcosa, inserendo da un parte Luzzu per migliorare la fase offensiva, e dall’altra Pesaresi che posiziona in difesa prendendo il posto di Pini. Il Dore, che non sembra essere la macchina perfetta delle partite precedenti, ha difficoltà ad entrare nell’area di rigore avversaria e le uniche occasioni per il pareggio nascono da tiri dalla distanza ribattuti o fuori dallo specchio. Nell’ultimo quarto d’ora la partita si innervosisce e l’arbitro estrae il cartellino giallo a ben 4 persone: tra questi episodi l’attaccante Brio, finora in ombra, prova a segnare prima con una punizione e successivamente con un girata nel’area di rigore.

L’incontro si conclude quindi sull’1-0 per la formazione bianco-verde, che merita questa vittoria non solo per le opportunità create ma anche per organizzazione tattica e precisione in mezzo al campo. Il torneo dei Rioni, quindi, rimane apertissimo, con tre squadre a quota  6 punti e due a 4 punti. La partita in programma tra Bigattiera e Stazione potrà già essere decisiva per il passaggio del turno: la Stazione deve vincere, mentre il rione Bigattiera è più tranquillo per i risultati ottenuti nei due match precedenti.

Marco Piantini

Tabellino

 

DORE – UGNA 0-1

DORE: Franchi, Meoni Lorenzo, Cirri, Meoni Andrea, Stobbia, Arrigucci(Nesi Alessio 61′), Cherubini Giulio, Maccari, Battistini(Cherubini Lorenzo 64′), Brio, Bettarelli (Luzzu 50′)

Panchina: Macchini, Bruni, Daddario, Cipriani, Fabbri, Porcu

Allenatore: Paesano Alessandro

 

UGNA: Colombo, Nesi Alessio, Torracchi, Gori, Ciapetti, Caioni, Pini(Pesaresi 50′), Gelli, Nesi Simone, Lunghi, Signorini(Boccardi 80′)

Panchina: Radoja, Massagli, Giorgini, Palmigiano

Allenatore: Torracchi Valerio

 

ARBITRO: Morganti. Assistenti: Bruschi, Giaconi

MARCATORI: Nesi Simone (46′) (Ugna)

NOTE: Ammoniti: Nesi Alessio, Torracchi (Ugna). Stobbia, Brio (Dore)

Commenti (1)

Tags: , ,

Pagelle : Dore-Smilea

Pubblicato il 27 giugno 2012 by Nicola

Dore

 

Franchi, voto 6 : serata tranquilla, buona parata su Baldi nel finale.

Cirri, voto 6.5 :  gran partita da colonnello difensivo, gestisce alla perfezione la difesa.

Maccari, voto 6.5 : preciso in copertura, reattivo negli interventi.

Meoni Andrea, voto 6.5 : determinato e grintoso, fin da subito. In miglioramento dopo l’ultima partita.

Meoni Lorenzo, voto 6 : Sempre concentrato e preciso, ma può crescere ancora.

Porcu, voto 7 : Il migliore, una rete importantissima e grande personalità nell’ impostare il gioco.

Cherubini Giulio, voto 7 : Si da un gran da fare, anche in copertura.  C´è e fa un gran lavoro in mezzo al campo. Recupera palloni importanti.

Bettarelli, voto 6 : non riesce ancora una volta a centrare l’obbiettivo, ma almeno ci prova e spedisce lanci efficaci ai  compagni.

Stobbia voto 6.5 : gioca con energia e vivacità, nella sua fascia affonda molte volte ,  è protagonista di ottime chiusure difensive.

Arrigucci, voto 7 : non fa rimpiangere l’assenza di Brio. E’ voglioso di metterla detro, alla fine il suo marchio arriva con un tapin che chiude il match.

Nesi, voto 6 : si sacrifica molto, corre e lotta rendendo difficile il lavoro ai difensori avversari.

Cipriani S.V.

Cherubini Lorenzo S.V.

All. Paesano, voto 7 : c’è tutta la sua mano nel Dore visto stasera. La formazione bianco-rossa vince e convince, regalando agli spettatori un gioco fluido dove domina il fraseggio e il giro palla. Azzecca tutti i cambi inserendo a fine partita anche un ottimo Cherubini .

 

Smilea

 

Valente, voto 5 : Serata poco felice. Un po’ impreciso specialmente nelle uscite alte.

Venturi, voto 5.5 : partita sotto la sufficienza, in occasione del primo goal lascia troppo libero Porcu.

Nesi, voto 6 : sostanzialmente sufficiente, tenta qualche incursione sulla fascia ma senza risultati.

Votino, voto 6 : in fase di copertura la sua prova sarebbe anche discreta ma quando il mister gli chiede di spingere ha maggiori difficoltà.

Cecchi, Voto 5.5 : come il compare Venturi soffre le avanzate bianco-rosse.

Bernardini, voto 5.5 : non riesce nell’intento di dare maggiore peso all’attacco. Sostituito.

Bertini, voto 6 : Svolge il suo compito senza fare cose traascendentali ma anche senza errori.

Nerattini, voto 6 : tiene l’equilibrio davanti alla difesa, provando anche qualche sortita in avanti senza risultati degni di nota.

Pallara, voto 6 :  inferiore della scorsa partita, non può risolvere la partita da solo ma si impegna e va premiato.

Lunghi, voto 5.5 :  L’unico lì in mezzo che cerca di fare un minimo di pressing. Invano. Cerca in tutti i modi di segnare, acnhe se a volte si intestardisce e perde qualche pallone di troppo.

Baldi, voto 5.5 : si divora il goal del 2-1 negando alla squadra la gioia della rete della bandiera.

Risaliti, voto 6 : entra nella ripresa per dare maggior sostanza in fase di costruzione del gioco ma ci riesce solo parzialmente.

Marconi S.V.

Annichiarico S.V.

All. Bartolini, voto 5.5 : mette in campo una squadra che per la prima mezzora mantiene un discreto equilibrio ma nel secondo tempo, dopo che sono saltati tutti gli schemi, non riesce a riprendere le redini della squadra.

 

Nicola Andreini

Commenti disabilitati su Pagelle : Dore-Smilea

Tags: , ,

Un Dore autoritario vince contro la Smilea

Pubblicato il 27 giugno 2012 by marco

E’ una vittoria di estrema importanza quella ottenuta dal Rione Dore, che con questo risultato si porta in testa alla classifica a quota 6 punti. Continua Lettura

Commenti disabilitati su Un Dore autoritario vince contro la Smilea

Advertise Here
Advertise Here

ADS